mercoledì, aprile 04, 2007

Una vita da revisore

Il solito schizzinoso, direte. Non ha mai provato a fare lavori pesanti, penserete.

Non m'importa, oggi vi voglio dire senza remore che cosa significa fare il revisore. Voi poche anime che mi leggete, non prendetemi però sul serio, dato che io sono il primo a non farlo. Il revisore dei conti può essere un mestiere d'inferno, o il mestiere più bello che esista sulla Terra. Dipende dal vostro modo di pensare e di agire. Siete pignoli all'inverosimile? Siete sensibili all'autorità e non ne volete sapere di decidere da voi, preferendo copiare quello che qualcun'altro l'anno prima ha fatto? Allora potete sopravvivere facendo il revisore. A tutti gli altri dico no, per favore non fatevi del male.

Non è che voglio parlare male del mestiere. E' che secondo me potrebbe essere fatto meglio, più intelligentemente. Una cosa che ho osservato negli scorsi mesi è il progressivo spegnimento intellettuale. Il cervello si abitua a fare quello che qualcun'altro ha sicuramente già fatto (a cosa serve rifare? si perde tempo.) e si atrofizza sulle cose quotidiane. Ciò che diviene importante è produrre carta, coprire aree, senza perdere troppo tempo a capire a cosa serve quello che si fa. Io stesso ho prodotto montagne di carta che mai nessuno guarderà, tante volte senza nemmero sapere perchè lo facevo. E che cavolo, se l'hanno fatto l'anno scorso ci sarà una ragione no?!?

E allora sì diventa un'inferno, soprattutto di fronte alla pochezza di alcune persone che purtroppo vi lavorano. Persone con poca esperienza alle spalle, magari messe a comandare troppo giovani e che non sanno far buon uso dell'autorità. Come al militare, le cose brutte che hanno fatto svolgere a voi, finisce che per ripicca le riproponi ai nuovi venuti. E il lavoro quotidiano diventa una sopportazione continua di cose ripetitive e noiose, che, mi dispiace ammetterlo, non prevedono l'uso di alcuna intelligenza attiva.

Ah, dimenticavo. Ora non sono più un revisore.

3 commenti:

Samuel Mazzolin ha detto...

E' bello leggere le tue righe. Mi ritrovo moltissimo... e l'unico modo per valutare è l'aver provato in prima persona.

Occhio alle calcolatrici ;)

Anonimo ha detto...

ho fatto uno stage in revisione e attualmente ci lavoro...tutto quello che dici lo sottoscrivo pienamente...è cio' che racconto ai miei genitori del mio lavoro...

Anonimo ha detto...

Salve Io è piaciuto la tua lavoro qui si sta facendo un buon lavoro anche dare uno sguardo a la mia pagina a http://www.ultimatebetbonus50gratis.pokersemdeposito.com/ circa di libri poker e esprimere le vostre opinioni!
scusa mio cattivo italiano
arrive detche